Torna il caldo Africano

Torna il caldo Africano

??Arriverà il Caldo???

Da giorni i modelli meteorologici sono propensi ad una prepotente ondata di caldo che investirà il nostro territorio dalla prossima settimana fino alla fine del mese e primi giorni di Luglio.

Il lasso di tempo in discussione è ancora meteorologicamente distante, ma in questi giorni i modelli non hanno visto dei ritocchi particolarmente significativi nonostante il fatto che tale evento si stia avvicinando ogni giorno di più.
Visto questa tendenza è lecito attenderci che tali modelli anche nei prossimi giorni non si discostino esageratamente da ciò che prevedono oggi.

Ma cosa vedono tali modelli?
Tutto il mese di Giugno è trascorso con valori ben al di sopra della media del periodo (in barba a chi faceva facili battute sul maggio fresco appena trascorso), e dall’inizio della prossima settimana tali valori potrebbero salire fino a +10°C rispetto alla media degli ultimi 30 anni!

Ma che temperature ci dobbiamo aspettare durante il giorno?
E’ lecito aspettarci valori di punta che in Pianura potrebbero arrivare a 38°C già mercoledì 26 o giovedì 27, ma una stima più precisa la potremo fare solamente con 2 o 3 giorni di anticipo.

Su alcuni siti si parla di 40°/41°C
Quello è lo scenario peggiore, a nostro parere (in base ai dati in nostro possesso oggi), tali valori verranno raggiunti nel sud-Italia… ma l’evento è ancora distante.

Come mai questo calore?
Il caldo avrà una matrice “Africana” e la meccanica di questa risalita di aria calda è spiegata dalla nostra grafica qui di seguito che mostra quello che in gergo viene chiamato “blocco ad Omega”.

Blocco ad Omega?
Si, dalla strana forma che si viene a formare disegnado una carta meteorologica che pare, appunto, l’ultima lettera dell’alfabeto greco.

Vogliamo farla più semplice?
Chiamiamolo pure “blocco a brufolo” perchè magari non tutti sono avvezzi con il greco, mentre la cioccolata la mangiamo tutti ma soprattutto perchè la meccanica è la stessa. Due grandi basse pressioni premono lateralmente la saccatura d’aria calda presente nel Nord Africa facendola risalire verso l’Europa. In questa risalita è favorita da una girandola di Alta Pressione di matrice azzorriana che si formerà nel nord-Europa e che vorticando in senso orario la richiamerà a se.

Cosa ci dobbiamo aspettare?
Molto caldo per circa 1 settimana, perchè tali blocchi sono difficili da scalfire e determinano condizioni di stabilità durature.

Ci sono anche buone notizie?
Diciamo che saliranno molto le temperature massime durante il pomeriggio, ma le temperature minime in proporzione saliranno meno pertanto è lecito aspettarsi delle nottate più piacevoli poichè l’escursione termica sarà notevole.

E a Luglio?
I primi giorni saranno ancora condizionati da questa ondata, poi il blocco inizierà a sgretolarsi e tornerà un po’ di fresco.
Vi abbiamo postato anche un grafico a “spaghetti” che raccontano ciò che ci aspetta nei prossimi giorni. Per esperienza non affidiamoci troppo a questi dati e prendiamoli con le pinze… ve lo abbiamo postato solo per darvi la speranza che ci sia una luce in fondo al caldo tunnel

METEOREGGIO.IT
Dott. Matteo Benevelli

Ritorna il caldo e l’afa

Ritorna il caldo e l’afa

?? Caldo Africano ??

Temperature non eccessive, quelle registrate dai termometri, ma fortemente aggravate dalla forte umidità.
Le deboli piogge cadute sul nostro Appennino fino alla Pedecollinare sono già evaporate facendo salire di molto l’umidità che aggrava i valori percepiti dal nostro corpo facendoci sentire quella fastidiosa sensazione di soffocamento.

Rispetto a 24h fà le temperature sono salite solamente di 1°C rispetto a ieri quando, invece, si sta decisamente meglio. Un incremento più sostanzioso delle temperature, invece, lo abbiamo in alta quota dove le temperature raggiungono i 24°/25°C.

Il vento soffia leggero da est, ma si tratta di un caldo vento di scirocco che ha poco successo nel mitigare l’afa.

Nelle nostre immagini vi mostriamo il perchè di questo improvviso calore e fin dove si spinge.
Si noti anche che a livello globale, invece, ci sarebbe da gioire poichè il bilancio termico è di -0,1°C!

Paradossale vero?
Maggio freddo, ma bilancio globale in netto riscaldamento.
Oggi caldo afoso, ma bilancio globale in lieve raffreddamento.

In realtà non è paradossale, è solo la differenza tra “meteorologia” e “climatologia”. La prima si limita a singoli eventi, la seconda su una raccolta di dati in un lungo periodo individuando una media.
Come dire che una rondine non fa primavera

Dott. Matteo Benevelli
METEOREGGIO.IT

La bufala del meteorite che colpirà la Terra

La bufala del meteorite che colpirà la Terra

?☄️ L’ennesima bufala ☄️?

Magari il sito “meteo” che ha dato questa notizia avrà inserito l’evento nella categoria “grandine”, ma una cosa è certa… si tratta dell’ennesimo allarmismo acchiappa-like al limite del terrorismo scientifico.

Ci vediamo costretti a scrivere questo post perchè ovviamente ci sono state poste delle domande in merito e vogliamo (nel caso in cui ce ne fosse la necessità) fare un po’ di chiarezza su quanto apparso nel web in questi ultimi giorni.

Facciamo riferimento ad una presenuta notizia che prevede l’arrivo di un meteorite di dimensioni spropositate che cadrà sulla Terra a Settembre, con tanto di richiesta a cliccare per vedere dove cadrà e che danni farà…

Bene… possiamo dirvi di dormire sonni tranquilli.
Il meteorite in questione è stato scoperto nel 2006 e transiterà in prossimità della Terra il 9 Settembre 2019, ma in prossimità significa che passerà a circa 6.800.000 Km dal nostro Pianeta. 7 Milioni di Km (approssimiamo per comodità) sono astronomicamente pochi, ma capite subito che sono sufficienti per far sì che questo evento sia più che tranquillo.
Certo… la legge di Murphy potrebbe farsi viva, ma in tal caso abbiamo lo 0,02% di possibilità di essere colpiti.
Certo… la sfiga ci vede benissimo! Ok, in tal caso stiamo parlando in un oggetto di circa 40 metri di diametro e non dei 12 Km del meteorite di Chicxulub che causò l’estizione dei dinosauri circa 65,95 milioni di anni fa.
40 metri è comunque una dimensione di tutto rispetto, causerebbe qualche grattacapo se dovesse cadere su una città, la meteora che esplose in Russia a Čeljabinsk fece 1.491 feriti a causa delle vetrate andate in frantumi per il boato dell’esplosione ed era un oggetto di circa 15 metri.

Comunque resta il fatto che tale oggetto ci passerà accanto, il presunto divulgatore scientifico di tale notizia era semplicemente a caccia di click facili per il suo datore di lavoro che di tale pubblicità sopravvive.

Il pretesto per tale articolo è stata l’intervista rilasciata dal direttore della NASA che di recente ha fatto appello ai governi perchè non sottovalutino il rischio di potenziali impatti futuri di oggetti provenienti dallo spazio e tale intervista è stata rilasciata in occasione di una iniziativa congiunta svolta qualche mese fa da NASA ed ESA su tale tematica.
Pertanto le sue parole non facevano alcun riferimento a ciò che succederà il 9 Settembre 2019.

Dott. Matteo Benevelli
METEOREGGIO.IT

Ritorna l’anticiclone africano

?? Anticiclone Africano??
 
Confermato l’arrivo di una settimana di gran caldo di matrice africana.
Un vortice di bassa pressione di nome “IVAN” stà vorticando sul golfo di Biscaglia al largo delle coste francesi e spagnole, questo gigante preme verso sud innescando un movimento verso nord dell’Anticiclone Africano che con il suo moto rotatorio in senso orario spingerà aria calda del nord-africa verso di noi (vedi immagine satellitare di questa mattina).
Un caldo destinato a condizionare il fine settimana e soprattutto buona parte della prossima quando i termometri arrivaranno a toccare quota 33°/34°C. Tutta questa energia, però, potrebbe anche innescare la formazione di temporali improvvisi… ma questo lo analizzeremo man mano che ci avvicineremo all’evento.
 
Spostandoci un po’ con lo sguardo, però, si nota un’anomalia termica anche in un’altra zona dell’Europa, più precisamente in Scandinavia tra Svezia (e Greta Thunberg può confermarlo) e Finlandia. Questa mattina presto, poco sotto il circolo polare artico, si toccavano già i 27°C! Il caldo in quelle zone è innescato dall’Anticiclone “QUEENE”, ovvero l’Anticiclone delle Azzorre che ha liberato il nostro territorio dal forte maltempo di fine Maggio. Ora è in Russia e lancia aria calda direttamente dalle steppe del Kazakistan fino al circolo polare.

Gran caldo al Polo Nord… fortunatamente in parte compensato dal gran freddo presente sul Polo Sud.
Il bilancio termico, oggi, è di +0,4°C su scala mondiale.
Dott. Matteo Benevelli
METEOREGGIO.IT