Meteoreggio News

Bilancio di una calda estate
Mercoledi' 08 Novembre

Bilancio di una calda estate che non ha risparmiato neppure il territorio di Scandiano

Tiriamo le somme di quella che è stata una delle estati più torride per Scandiano negli ultimi anni. Picchi record di calore che hanno raggiunto il loro massimo nelle giornate 3 e 4 di agosto quando i nostri termometri hanno registrato per la prima volta in assoluto 40°C! ( molto più alta invece la temperatura percepita aumentata dall’umidità presente in Pianura )
Un valore che ha ampiamente abbattuto il record precedente di 37,6°C registrati nel 2007 (altra estate torrida per il nostro territorio) dalla nostra stazione situata nei pressi del Parco della Resistenza.
Un’ondata di caldo “anomalo” che è stata eccezionale per durata ed intensità: una rimonta di aria che dall’Africa si è spinta fino a noi con risultati a dir poco bollenti. Eccezionale per durata poiché questo “attacco” è iniziato il primo giorno del mese di agosto per poi concludersi con i forti temporali che hanno interessato il modenese e la provincia di Bologna (fortunatamente per noi) il giorno 6 di agosto.
Eccezionale per intensità dal momento che sicuramente le temperature massime sono state fin troppo eclatanti ma, al tempo stesso, anche i valori minimi durante la notte e le prime ore del mattino sono stati decisamente da record! Durante la notte, infatti, i termometri si aggiravano attorno ai 30°C non permettendo, quindi, una dispersione del notevole calore accumulato nella parte diurna della giornata. Un rapporto causa/effetto che ha amplificato il problema del gran caldo di inizio agosto.
Questa è stata la più intensa tra le numerose ondate di calore che si sono succedute durante l’estate 2017. Un’estate che alla fine ha cercato di “tranquillizzarsi” un po’ (+3°C rispetto alla media dell’ultimo trentennio) e che perciò non è riuscita a strappare il titolo di estate più calda di sempre alle ben peggiori estati del 2003 e del 2012 (rispettivamente +4,5°C e +3,4°C oltre la media dal 1961).


Siccità
Altro profondo problema per il nostro territorio sono state, quest’anno, le precipitazioni: già durante l’inverno sono state scarsissime ed il nostro povero torrente Tresinaro si dimostrava in forte deficit negativo per portata d’acqua fin dai primi giorni dell’anno. Ciò è stato ampliamente peggiorato dal fatto che le piogge sono mancate per tutta l’estate e quelle poche che sono transitate sulle nostre colline si sono dimostrate del tutto inutili o inefficaci. L’unico risultato ottenuto da queste effimere piogge è stato quello di far appesantire drasticamente la già fastidiosa cappa di afa che ha imperversato sul nostro territorio ed aggravato di molto la percezione del gran caldo.

“Ma ci sono sempre state ondate di caldo e di freddo”
Questa è la frase tipica che ci sentiamo dire dai negazionisti quando illustriamo i problemi del global warming a livello locale. In effetti è vero se ci limitiamo alla superficie del problema ma, se ci pensiamo bene, questo alternarsi di caldo e freddo è sempre più spostato verso il caldo e lo è per periodi sempre più lunghi. In questo 2017 abbiamo avuto anche delle ondate di gelo: ci basta ricordare quando il torrente Tresinaro appariva ghiacciato nella seconda metà di gennaio o quando il freddo ha fatto il suo ritorno ad aprile devastando parte del raccolto di uva di quest’anno. Ma per durata ed intensità non possiamo assolutamente paragonare questo “freddo” con il caldo che ha flagellato l’estate… ma non solo…



L’ondata di freddo di aprile era stata anticipata da un altrettanto anomala ondata di caldo che aveva favorito la fioritura precoce di molte piante (tra cui la vite che poi è stata sorpresa dal gelo di aprile), per non parlare poi del gran caldo che ha caratterizzato ottobre, con un autunno mite che ricorda più la primavera. Se facciamo un bilancio, purtroppo, l’ago pende di molto verso il caldo.
Ondate di freddo le abbiamo e le avremo sempre, ma saranno sempre meno e sempre più brevi, al contrario quelle calde saranno sempre più frequenti e sempre più durature.

Sensibilizzazione
Stiamo valutando, in collaborazione con il CEAS Terre Reggiane – Tresinaro Secchia, di effettuare qualche incontro informativo per la popolazione scandianese (e non solo) al fine di sensibilizzarla sulla tematica del cambiamento climatico che è in atto. Anche in una realtà piccola come quella del nostro territorio si possono trovare molti spunti su cui riflettere e vi sono tanti piccoli comportamenti e buone pratiche che possiamo attuare anche noi, al fine di adattarci ed affrontare al meglio questo cambiamento del clima che si farà via via sempre più percettibile.

Dott. Matteo Benevelli



Ultime Notizie:

Mercoledi' 08 Novembre

Bilancio di una calda estate

Tiriamo le somme di quella che è stata una delle estati più torride per Scandiano negli ultimi anni. Picchi record di calore che hanno raggiunto il loro massimo nelle giornate 3 e 4 di agosto quando i nostri termometri hanno registrato per la prima volta in assoluto 40°C!


Venerdi' 21 Aprile

Quando il fascino della neve si contrappone al caldo estremo

Titolo provocatorio, ma sicuramente il freddo di questi giorni ha fatto pensare a molti reggiani che forse forse Donald Trump non ha poi tutti i torti a dire che il surriscaldamento globale non esiste. Invece, difficile da credersi, ma stiamo attraversando una fase di caldo estremo per il periodo dell'anno che stiamo attraversando. Si, ora c'è più freddo di una settimana fa, ma il vero eccesso era rappresentato dai 27°C di qualche giorno fa e non tanto dai -2°C di questa mattina a Rubiera.


Venerdi' 13 Gennaio

Il fenomeno del gelicidio, o pioggia gelata

Venerdì 13 gennaio, una data che sicuramente in molti si ricorderanno per i disagi subiti e gli scivoloni visti su gran parte della provincia. Numerosi disagi che hanno condizionato in negativo la prima parte della giornata e che ha fatto parlare tanta gente.
Ma di chi è la colpa?
Del gelicidio?... ma cos'è questo Gelicidio?!?

Scopriamolo...


Venerdi' 23 Dicembre

Parliamo di Inversione Termica e di Smog

Dopo il maltempo di inizio settimana, si apre una parentesi stabile garantita dall'anticiclone "Xander" che si estende dall'est Europa fino alla Francia. La nostra provincia, quindi, non è esclusa da questo gigante che garantisce cieli sereni e nessuna incursione da parte del maltempo. Purtroppo ci sono anche degli aspetti negativi, come ad esempio il veloce aumento delle concentrazioni di polveri sottili che degradano la qualità dell'aria che respiriamo.
Ma quanto durerà questo periodo? Ed in che modo l'alta pressione rovina la qualità della nostra aria?


Martedi' 20 Dicembre

Un po di pioggia prima della nebbia

Il maltempo imperversa su tutta la nostra provincia, ma la neve è caduta debolmente soltanto oltre i 1200 metri di quota. Piogge deboli sul resto del territorio ma finalmente niente nebbia ed inquinanti in diminuzione. Purtroppo l'anticiclone è di nuovo pronto a conquistare il reggiano e molto probabilmente porterà di nuovo l'inversione termica sulle nostre teste a condizionare il periodo natalizio.