Meteoreggio News

Inversione termica protagonista di questo inizio Dicembre
Venerdi' 09 Dicembre

Ormai da molte settimane l'alta pressione "Uta" regna indiscussa sullo scenario meteorologico europeo garantendo bel tempo dalla Spagna ai Balcani. Questa cupola di alta pressione a lungo andare sta generando diversi problemi al nostro territorio, al di là del piacevole bel tempo per gli abitanti della fascia Pedecollinare e dell'Appennino.

In primis sulla Pianura si stanno accumulando sempre di più le rischiose polveri sottili che minacciano i polmoni di chi abita in Città e più in generale nella bassa, così come tanti altri inquinanti che degradano giorno dopo giorno la qualità dell'aria che respiriamo. Questo pulviscolo, a sua volta agevola l'insorgere di un altro aspetto negativo, ovvero la nebbia.
La nebbia in questi giorni è protagonista sulle zone del reggiano a nord della via Emilia e durante la sera/notte anche le zone di fascia Pedecollinare, riducendo sensibilmente la visibilità per chi utilizza la rete stradale.

La nebbia, poi, agisce come una coperta che riflette i raggi del Sole verso il mittente e così facendo non permette al suolo di riscaldarsi durante le ore diurne.
Risultato? 
Temperature sempre più fredde e gelide in Pianura rispetto alle gradevoli temperature registrate in Appennino dove al contrario si sta vivendo quasi una seconda primavera.



Per i prossimi giorni la situazione non è destinata a cambiare, l'alta pressione continuerà a condizionare il tempo su tutto il reggiano almeno fino a metà della prossima settimana.
Giorno dopo giorno vedremo il "balletto della nebbia" che come un'onda avanzerà verso la Collina al tramonto per poi ritirarsi verso la via Emilia con l'arrivo del Sole.
Qualcosa potrebbe cambiare a metà del mese, con un po di instabilità in arrivo sul nostro territorio, ma tutto ciò necessita ancora di conferme.

WWW.METEOREGGIO.IT
   Dott. Matteo Benevelli



Ultime Notizie:

Mercoledi' 08 Novembre

Bilancio di una calda estate

Tiriamo le somme di quella che è stata una delle estati più torride per Scandiano negli ultimi anni. Picchi record di calore che hanno raggiunto il loro massimo nelle giornate 3 e 4 di agosto quando i nostri termometri hanno registrato per la prima volta in assoluto 40°C!


Venerdi' 21 Aprile

Quando il fascino della neve si contrappone al caldo estremo

Titolo provocatorio, ma sicuramente il freddo di questi giorni ha fatto pensare a molti reggiani che forse forse Donald Trump non ha poi tutti i torti a dire che il surriscaldamento globale non esiste. Invece, difficile da credersi, ma stiamo attraversando una fase di caldo estremo per il periodo dell'anno che stiamo attraversando. Si, ora c'è più freddo di una settimana fa, ma il vero eccesso era rappresentato dai 27°C di qualche giorno fa e non tanto dai -2°C di questa mattina a Rubiera.


Venerdi' 13 Gennaio

Il fenomeno del gelicidio, o pioggia gelata

Venerdì 13 gennaio, una data che sicuramente in molti si ricorderanno per i disagi subiti e gli scivoloni visti su gran parte della provincia. Numerosi disagi che hanno condizionato in negativo la prima parte della giornata e che ha fatto parlare tanta gente.
Ma di chi è la colpa?
Del gelicidio?... ma cos'è questo Gelicidio?!?

Scopriamolo...


Venerdi' 23 Dicembre

Parliamo di Inversione Termica e di Smog

Dopo il maltempo di inizio settimana, si apre una parentesi stabile garantita dall'anticiclone "Xander" che si estende dall'est Europa fino alla Francia. La nostra provincia, quindi, non è esclusa da questo gigante che garantisce cieli sereni e nessuna incursione da parte del maltempo. Purtroppo ci sono anche degli aspetti negativi, come ad esempio il veloce aumento delle concentrazioni di polveri sottili che degradano la qualità dell'aria che respiriamo.
Ma quanto durerà questo periodo? Ed in che modo l'alta pressione rovina la qualità della nostra aria?


Martedi' 20 Dicembre

Un po di pioggia prima della nebbia

Il maltempo imperversa su tutta la nostra provincia, ma la neve è caduta debolmente soltanto oltre i 1200 metri di quota. Piogge deboli sul resto del territorio ma finalmente niente nebbia ed inquinanti in diminuzione. Purtroppo l'anticiclone è di nuovo pronto a conquistare il reggiano e molto probabilmente porterà di nuovo l'inversione termica sulle nostre teste a condizionare il periodo natalizio.