Meteoreggio News

E se il freddo arrivasse davvero ...
Lunedi' 16 Novembre

"Ulrike" prima, e "Viva" poi, sono i mostruosi anticicloni che si sono susseguiti sulle nostre teste e che hanno garantito bel tempo per molti giorni e temperature al limite della primavera con valori ben oltre i 21°C sull'Appennino nel week-end dell'8 novembre e non solo. In questi ultimi giorni ha preso campo l'inversione termica e con essa l'arrivo della nebbia su tutta la Pianura e ciò si nota molto bene nell'immagine satellitare qui di seguito:

L'inversione termica è quello scherzo meteorologico che fa registrare temperature più "calde" in Montagna e più "fredde" in Pianura dove spesso si generano anche nebbie (per l'appunto).

Nella giornata di oggi sono stati raggiunti i 19°C a Castelnovo Né Monti, contro gli 11°C di Reggio Emilia ed i 10°C della Pedecollinare durante il pomeriggio.
Temperature decisamente sopra la media del periodo e temperature anomale anche la settimana precedente come dimostrato dalle analisi NOAA riportate qui sotto:
Da 4 giorni i maggiori modelli previsionali prevedono una discesa di aria gelida direttamente dall'Artico verso il nord Italia e probabilmente anche sulla nostra provincia. I soliti sciacalli della meteorologia da giorni proclamano nevicate apocalittiche a caccia di contatti, ma la nostra linea è sempre quella della "cautela".
Le previsioni da un giorno a l'altro possono cambiare di molto, specie di fronte a discese di aria gelida come in questo caso. E' innegabile che la possibilità di vedere di nuovo la neve sulla nostra provincia è molto alta, ma si parla dell'Appennino fino a quote collinari.


Prevedere la neve in Pianura ed in Città è del tutto incauto ed azzardato, pertanto al momento non è serio sbilanciarsi in proclami da parte nostra. Nei prossimi giorni vi terremo aggiornati sul quadro generale di questa discesa artica che giorno dopo giorno si fa sempre più probabile, ma dagli sviluppi ancora incerti.

WWW.METEOREGGIO.IT
Dott. Matteo Benevelli

 



Ultime Notizie:

Mercoledi' 08 Novembre

Bilancio di una calda estate

Tiriamo le somme di quella che è stata una delle estati più torride per Scandiano negli ultimi anni. Picchi record di calore che hanno raggiunto il loro massimo nelle giornate 3 e 4 di agosto quando i nostri termometri hanno registrato per la prima volta in assoluto 40°C!


Venerdi' 21 Aprile

Quando il fascino della neve si contrappone al caldo estremo

Titolo provocatorio, ma sicuramente il freddo di questi giorni ha fatto pensare a molti reggiani che forse forse Donald Trump non ha poi tutti i torti a dire che il surriscaldamento globale non esiste. Invece, difficile da credersi, ma stiamo attraversando una fase di caldo estremo per il periodo dell'anno che stiamo attraversando. Si, ora c'è più freddo di una settimana fa, ma il vero eccesso era rappresentato dai 27°C di qualche giorno fa e non tanto dai -2°C di questa mattina a Rubiera.


Venerdi' 13 Gennaio

Il fenomeno del gelicidio, o pioggia gelata

Venerdì 13 gennaio, una data che sicuramente in molti si ricorderanno per i disagi subiti e gli scivoloni visti su gran parte della provincia. Numerosi disagi che hanno condizionato in negativo la prima parte della giornata e che ha fatto parlare tanta gente.
Ma di chi è la colpa?
Del gelicidio?... ma cos'è questo Gelicidio?!?

Scopriamolo...


Venerdi' 23 Dicembre

Parliamo di Inversione Termica e di Smog

Dopo il maltempo di inizio settimana, si apre una parentesi stabile garantita dall'anticiclone "Xander" che si estende dall'est Europa fino alla Francia. La nostra provincia, quindi, non è esclusa da questo gigante che garantisce cieli sereni e nessuna incursione da parte del maltempo. Purtroppo ci sono anche degli aspetti negativi, come ad esempio il veloce aumento delle concentrazioni di polveri sottili che degradano la qualità dell'aria che respiriamo.
Ma quanto durerà questo periodo? Ed in che modo l'alta pressione rovina la qualità della nostra aria?


Martedi' 20 Dicembre

Un po di pioggia prima della nebbia

Il maltempo imperversa su tutta la nostra provincia, ma la neve è caduta debolmente soltanto oltre i 1200 metri di quota. Piogge deboli sul resto del territorio ma finalmente niente nebbia ed inquinanti in diminuzione. Purtroppo l'anticiclone è di nuovo pronto a conquistare il reggiano e molto probabilmente porterà di nuovo l'inversione termica sulle nostre teste a condizionare il periodo natalizio.